blogroll

ABARCHIVE    Associazione
Abarchive ha come obiettivo quello di raccogliere e condividere una indagine sul tema della “dismissione” dei borghi italiani per tentare di costruire un documento metaprogettuale di lettura/mappatura del fenomeno e delle possibili risorse a disposizione per contrastarlo.
La prima sperimentazione operativa si è concentrata sulla parte dell’Abruzzo a confine con le Marche. Il lavoro del Laboratorio “Geografie dell’abbandono” (Laboratorio di progettazione degli Interni 2) è consistito nello sviluppare indagini conoscitive sul territorio scelto come campione secondo temi assegnati e format concordati.
Una ricerca in team che ha impegnato per un semestre un gruppo di docenti e di studenti allo sviluppo di indagini e rappresentazioni del territorio abruzzese, della sua storia e in particolar modo di quei comuni e/o di quelle frazioni colpite dall’abbandono, con l’obiettivo di offrire un ampio ventaglio di quadri conoscitivi e narrativi di varia natura e di diversa metodologia, indispensabili per qualsivoglia possibile strategia sostenibile di intervento.
L’elaborazione di possibili scenari progettuali sarà oggetto di futuri approfondimenti, in mostra viene presentata l’unica ricerca-azione ad oggi sviluppata: “Civitella del Tronto cittadella del Consumo Critico”.
lab int 2/2010
Docenti coinvolti: Gennaro Postiglione, Lorenzo Bini, Agostino Petrillo
Tutors: Michela Bassanelli, Marco Di Nallo, Marco Lampugnani, Elena Naldi
Info didatticawww.lablog.org.uk

APERTO PER FERIE    Programma
Il progetto “Aperto per Ferie”, ideato ed organizzato dall’UNPLI (Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia), si prefigge lo scopo di rivitalizzare il tessuto economico dei piccoli borghi italiani a rischio di spopolamento, favorire la fruibilità del patrimonio territoriale, garantire la preservazione del tessuto sociale locale e promuovere l’identità ed il senso di appartenenza alla comunità. Una riscossa dell’Italia minore, bella ed accogliente, attraverso l’impegno diretto di coloro che la vivono in prima persona e ne vogliono proporre il patrimonio culturale, ambientale e umano a chi la visita. L’idea, che si avvale del finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nasce dall’analisi di alcuni dati: su un totale di poco più di 8.000 comuni, ben 2.830 soffrono di un progressivo spopolamento che, se non viene in qualche modo arginato, porterà inevitabilmente all’abbandono del territorio. Per cercare di salvaguardare l’esistenza delle piccole realtà urbane e incentivarne lo sviluppo, il progetto dell’UNPLI prevede dunque l’individuazione, la valorizzazione e la promozione di tutte le risorse locali che possano costituire un’attrattiva turisticamente fruibile. Nella prima fase del progetto Aperto per Ferie, avviata a settembre 2004 per proseguire durante tutto il 2005, è stata operata, in collaborazione con l’Associazione Nazionale del Comuni d’Italia e con il club dei Borghi Più Belli d’Italia, una selezione di venti località o comprensori con una popolazione non superiore ai 2.000 abitanti, che presentassero fenomeni di spopolamento e caratteristiche interessanti per i potenziali visitatori. Dopo due anni di raccolta di informazioni, sui 20 borghi selezionati, è stata pubblicata la guida turistica “Il turismo dei sogni”.

AZIONE MATESE     Programma
Il villaggio dell’arte, concepito nell’ambito del programma “Paesesaggio – Azione matese”, è un progetto di valorizzazione del territorio e dei i nuclei storici dei comuni di Gallo Matese, Letino, Prata Sannita, Fontegreca e Capriati al Volturno attraverso la creazione di laboratori artistici partecipati. Questo territorio, caratterizzato da esclusione ed isolamento, è stato preservato da fenomeni di sfruttamento e degenerazione ambientale, rendendolo luogo possibile per la sperimentazione di nuove strategie di sviluppo sostenibile, legate ad una diversa urbanità caratterizzata non dalla concentrazione di risorse pesanti, né dall’edificazione intensiva, bensì da nuovi processi di polarizzazione: “Nodi” di interscambio sociale, culturale e quindi economico. La manifestazione artistica, che si connette in modo particolare alle azioni di Urban Node- laboratorio della memoria, ha posto le basi per l’attivazione di un percorso di ricerca multidisciplinare caratterizzato dall’adozione di nuove strategie per l’ascolto e l’indagine sul territorio. Le azioni proposte hanno previsto il coinvolgimento sia degli abitanti che di partecipanti ed artisti provenienti da altre regioni europee, presentandosi come sistema operativo per il confronto sulle modalità di percezione dei luoghi e sulle possibilità di reinventarli. Le performance artistiche fanno riferimento al concetto di “arte di intervento” in grado di coinvolgere attivamente la popolazione locale. L´attiva disseminazione di eventi diversi diventa qui una modalitá per comprendere e promuovere desideri collettivi ed aspirazioni individuali che per la loro forza propulsiva sono in grado di modificare l’esperienza del vissuto e del vivere quotidiano, generando modi diversi e nuovi di appropriarsi, percorrere, gestire lo spazio.
Il progetto ha avuto successo nel Molise, che prevede: 15 comuni coinvolti; Recupero e ristrutturazione di circa 40 lotti abitativi da destinare a microricettività turistica; Creazione di circa 500 posti letto nelle strutture recuperate; 34 piccoli interventi infrastrutturali per la microricettività; Creazione di 50 nuovi posti di lavoro; Realizzazione di percorsi di formazione manageriale;Creazione di un consorzio di operatori con oltre 70 piccole e piccolissime attività ricettive, artigianali, enogastronomiche; Supporto tecnico e assistenza agli operatori turistici.
Borghi interessati:
Prata Sannita

BANDIERE ARANCIONI    Programma
La Bandiera arancione è un marchio di qualità turistico-ambientale conferito dal Touring Club Italiano ai piccoli comuni dell’entroterraitaliano (massimo 15.000 abitanti) che si distinguono per un’offerta di eccellenza e un’accoglienza di qualità. L’idea è nata, nel 1998 a Sassello in Liguria, dietro un’esigenza dell’ente regionale di promuovere e valorizzare l’entroterra. Il TCI, quindi, sviluppò un modello di analisi per individuare le prime località meritevoli. In seguito il marchio è stato promosso su scala nazionale, individuando piccole località d’eccellenza in ogni regione. Il gruppo comprende attualmente 184 borghi. Il progetto è l’unico italiano inserito dall’Organizzazione Mondiale del Turismo (World Tourism Organization) fra i programmi realizzati con successo per uno sviluppo sostenibile del turismo in tutto il mondo. La Bandiera arancione  è stata pensata dal punto di vista del viaggiatore e della sua esperienza di visita e viene assegnata alle località che non solo godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, ma che sanno offrire al turista un’accoglienza di qualità.
Borghi interessati:
Airole, Calcata, Labro, Mondavio

BORGHI AUTENTICI D’ITALIA    Associazione
L’Associazione Borghi Autentici d’Italia è una rete fra piccoli territori, disseminati lungo tutta l’Italia, che hanno scelto come innovativo modello di sviluppo turistico e locale la Comunità Ospitale, dove il borgo e la sua comunità costituiscono la motivazione principale della vacanza e i turisti si sentono cittadini seppure temporanei. I Comuni aderenti devono approvare il Codice Etico e di Responsabilità Sociale e la Carta della Qualità dei Borghi Autentici, con i quali si impegnano a rispettare principi e norme di comportamento in materia di correttezza nei confronti di dipendenti e collaboratori, fra i cittadini e fra questi e gli ospiti-turisti; di consumo responsabile delle risorse; di sviluppo delle attività economiche in armonia con le specificità dei luoghi. Con il Fondo Genius Loci l’Associazione supporta iniziative pilota per la riqualificazione del patrimonio urbano pubblico e privato, l’adozione di metodi di bioarchitettura nelle attività di recupero edilizio, lo studio di processi amministrativi più efficienti, la salvaguardia dell’identità culturale, della coesione sociale e delle tradizioni produttive locali. Ha attivato il portale turistico www.comunitaospitali.it che raccoglie le esperienze di albergo diffuso con possibilità di preventivi e prenotazioni online. Ogni anno l’associazione organizza la Festa nazionale dei Borghi Autentici con mercatini dell’enogastronomia e dell’artigianato, convegni, simposi e musica dal vivo. Di particolare interesse anche il concorso “Di borgo in borgo” volto a valorizzare, attraverso racconti, video e fotografie, l’immagine dei Borghi Autentici d’Italia.
Borghi interessati:
Aliano, Calabritto, Comeglians, Riace, Sauris, Soandri, Taurasi

BORGHI PIU BELLI D’ITALIA     Associazione
I borghi più belli d’Italia è una associazione privata che promuove alcuni piccoli centri italiani con una qualifica di “spiccato interesse artistico e storico”. È nata nel marzo 2001, su impulso della Consulta del Turismo dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), con l’intento di contribuire a salvaguardare, conservare e rivitalizzare piccoli nuclei, comuni ma a volte anche singole frazioni, che, trovandosi al di fuori dei principali circuiti turistici, rischiano, nonostante il grande valore, di essere dimenticati con conseguente degrado, spopolamento e abbandono. I Comuni che sono ammessi alla certificazione non possono superare i 15.000 abitanti e devono possedere un patrimonio architettonico e/o naturale certificato dalla documentazione rilasciata dalla Sovrintendenza delle Belle Ar- ti. Tra i criteri di selezione inoltre vengono valutate la compattezza e l’omogeneità della massa costruita, la possibilità di percorsi diversi all’interno del Borgo, la preservazione del legame tra microsistema urbano, storicamente determinato, e ambiente naturale circostante. Anche la valorizzazione diventa un indicatore, prendendo in considerazione l‘organizzazione di parcheggi esterni, rinnovamento e abbellimento delle facciate e cura del verde pubblico.
Borghi interessati:
Castelmezzano e Pietrapertosa, Colletta di Castelbianco, Santo Stefano di Sessanio, Sepino

BORGHI SRL     Programma
Costituita a luglio del 2008, BORGHI Srl ha come obiettivo la promozione e lo sviluppo di progetti di valorizzazione turistico – immobiliare di Borghi e Centri Storici minori. Il progetto societario nasce dall’unione delle esperienze dei soci maturate negli ambiti di attivazione e coordinamento di progetti e programmi di sviluppo locale, di business planning per la realizzazione di Alberghi Diffusi, di interventi di marketing territoriale e scouting di opportunità di investimento e di attività di advisoring e project management per progetti di sviluppo immobiliare. BORGHI srl propone la valorizzazione di un patrimonio che non è solo immobiliare, ma è anche e soprattutto cultura, tradizione, storia, stile di vita, insomma, un’autentica e non imitabile espressione del Made in Italy. Il recupero e la riqualificazione di piccoli contesti urbani, a torto ritenuti “minori”, come volano per lo sviluppo di progetti di rivitalizzazione attorno ai quali richiamare l’attenzione del mondo imprenditoriale e finanziario ed attivare percorsi di rilancio socio-economico. BORGHI srl è promotrice di un’intensa attività sul territorio italiano, allo scopo di rinnovare il patrimonio architettonico, rivitalizzare il contesto sociale e preservare l’identità culturale di un espressione unica e tradizionale del paesaggio italiano come “Il borgo”. Tali obiettivi vengono raggiunti attraverso un sistema di progetti di sviluppo, integrando destinazioni d’uso e funzioni differenti, in coerenza con la struttura urbana, le dimensioni degli spazi e la vocazione dei luoghi, generando un importante ritorno economico, un nuovo valore sociale e allo stesso tempo conservando il rapporto con il paesaggio.
Borghi interessati:
Casteldilago, Laino, Postignano, Vagli

BORGHI VIVI®      Programma
Borghi Vivi® è un modello di sviluppo locale sostenibile finalizzato a rivitalizzare i borghi e i centri storici, i borghi rurali e i borghi marittimi periferici, in fase di abbandono o a rischio di abbandono, in particolare attraverso la valorizzazione del patrimonio immobiliare edilizio e fondiario, sia a fini turistici che a fini artigianali, di piccolo commercio, di servizi e residenziale. Il modello Borghi Vivi® si caratterizza, quindi, per la sua capacità di promuovere la rigenerazione paesaggistica, ambientale, economica, sociale e culturale di borghi e centri storici, borghi rurali e marittimi periferici a rischio di marginalità e del loro intorno territoriale, sia attraverso il preliminare recupero del patrimonio immobiliare edilizio e fondiario abbandonato o sottoutilizzato che attraverso azioni di rivitalizzazione del contesto territoriale di area vasta. Borghi Vivi® assume, dunque, le caratteristiche di un progetto di sviluppo locale di area vasta, intercomunale, multisettoriale. Borghi Vivi® nasce da una precedente iniziativa pilota denominata “Villages d’Europe”, un progetto finanziato dalla Commissione Europea alla fine degli anni ‘90, nell’ambito delle iniziative innovative del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, basata sull’idea dell’albergo diffuso e sul coinvolgimento di capitali privati, attraverso tecniche finanziarie innovative in grado di creare un giusto equilibrio fra investimenti “caldi” (a redditività nel tempo) e “freddi” (non redditivi, ma indispensabili per la buona riuscita del progetto). “Villages d’Europe” ha coinvolto molteplici borghi fra Italia, Francia, Spagna e Portogallo. La principale lezione tratta dal progetto pilota “Villages d’Europe” è stata quella di comprendere che un progetto di solo intervento su specifici immobili ai fini della nuova formula dell’albergo diffuso è destinato al fallimento se non è inserito in un progetto di sistema più ampio, di valenza territoriale e multisettoriale, in grado di affrontare tutti gli aspetti connessi alla rivitalizzazione di un borgo, ovvero di un sistema di borghi su scala territoriale, siano questi di natura paesaggistica, ambientale, economica, sociale e culturale. Sulla base di queste riflessioni, la Comunità Montana della Lunigiana, in Toscana, in cui ricadevano alcuni borghi coinvolti nel progetto pilota “Villages d’Europe”, nel 2003 decise di lanciare una propria iniziativa denominata “Borghi Vivi® Lunigiana”. Il progetto inizialmente coinvolse tre comuni, poi si estese a sei e, infine, ha finito per coinvolgere tutti i quattordici comuni rientranti nella Comunità Montana, e ha progressivamente assunto le caratteristiche di un progetto territoriale strategico di area vasta.
Borghi interessati:
Sieti

DANIEL KIHLGREN     Privato
A Daniele Kihlgren, l’idea di fare il primo “albergo diffuso” un hotel che ha una struttura centrale e per il resto è disseminato per le case di un borgo abbandonato è venuta durante un viaggio in moto, girovagando per l’Abruzzo. Si è imbattuto in un paesino disabitato, Santo Stefano di Sessanio. Primo acquisto, una casetta «venduta a 60mila lire al metro quadro». Poi, la decisione: comprare tutto il borgo per qualche milione di lire, senza ricevere un solo euro di contributi statali ed europei, per restaurarlo secondo un metodo conservativo e salvarlo dalla rovina e/o da una speculazione edilizia impietosa. Erano gli ultimi anni Novanta e da allora Kihlgren ha fondato l’associazione Sextantio e dopo Santo Stefano di Sessanio, considerato uno dei migliori recuperi conservativi, sono seguite iniziative analoghe come per il quartiere antico di Montebello sul Sangro, la frazione di Scanno, un castelletto a Rocca Calascio, la frazione del Martese e la Rocchetta al Volturno.
Borghi interessati:
Santo Stefano di Sessanio, Le Grotte della Civita (Matera)

INTERREG IV ITALIA-AUSTRIA     Associazione
Interreg IV Italia-Austria aspira da una parte alla riduzione di barriere trasfrontaliere ancora esistenti, d’altra parte intende contribuire all’innalzamento della qualità della vita e dello sviluppo economico nell’area di confine tra Italia e Austria. Per il raggiungimento di questi obiettivi sono state definite due priorità tematiche con specifici ambiti di intervento e un’asse prioritario per l’assistenza tecnica.  Il Programma, attraverso la definizione di tali priorità, è fortemente orientato alle strategie di Lisbona e Goteburg, nel rispetto di quanto previsto dalla Commissione Europea.
Questa priorità prevede progetti nelle seguenti aree tematiche (linee di intervento): Aree protette, paesaggio naturale e culturale, protezione dell’ambiente e della biodiversità; Prevenzione di rischi naturali, tecnologici e protezione civile; Energie rinnovabili, risorse idriche e sistemi di approvvigionamento e smaltimento; Organizzazioni di sviluppo transfrontaliero, partenariati, reti, sistema urbano e rurale; Accesso ai servizi di trasporto, di telecomunicazione e ad altri servizi; Cultura, sanità e affari sociali.
Borghi interessati:
Soandri

RETE DEL RITORNO     Programma
Era l’estate del 2011, l’anno delle celebrazioni dell’unità d’Italia, quando si riuni per la prima volta un gruppo di studiosi dell’abbandono, di associazioni, di persone diverse che presero l’iniziativa di dar vita al primo “Festival nazionale del ritorno ai luoghi abbandonati”. Il luogo d’incontro fu Paraloup, una borgata storica dimenticata e ora in fase di rinascita. Una serie di iniziative riunirono un ampio pubblico intorno al tema della riabitabilità dei paesi dimenticati della nostra penisola. Quel Festival si concluse con un appello pubblico destinato a chiunque fosse sensibile al progetto di far ripartire l’Italia dai margini. Aderirono in tantissimi. A due anni di distanza sono molti i luoghi abbandonati in cui si sono riuniti: l’Irpinia, la Calabria, L’Aquila, Riace. E hanno costituito una rete, la Rete del Ritorno ai luoghi abbandonati, presentandola ufficialmente al grande pubblico ai Frigoriferi Milanesi il 19 Febbraio 2013. Il sito vuole essere una sorta di “diario di viaggio” del progetto, per farlo crescere attraverso il coinvolgimento di tutti coloro che, sensibili al tema, intendano contribuire con i materiali ritenuti più opportuni (tesi, articoli, recensioni, interviste o racconti su casi di rinascita o di abbandono, fotografie, video ecc.). I promotori vorrebbero cosi che attraverso questo diario la rete continuasse ad allargarsi e a infittirsi, e che i luoghi in rinascita percorresse tutto lo Stivale. Ritornare per ripartire.
Promotori: Associazione Thara Rothas, Fondazione Nuto Revelli, Crissa-Centro studi sullo spopolamento calabrese, Doppiozero, Comunità provvisoria dell’Irpinia, Associazione Davide Lajolo, Terre di Mezzo street magazine, Re.Co.Sol, Rete Comuni Solidali
Borghi interessati:
Paraloup

RIVE – RETE ITALIANA VILLAGGI ECOLOGICI    Associazione
La Rete italiana villaggi ecologici è un’associazione costituita da comunità, ecovillaggi, progetti di comunità e singole persone interessate a fare conoscere e sostenere le esperienze comunitarie. Alla RIVE appartengono esperienze differenti tra loro per orientamento filosofico e organizzazione, ma tutte comunque ispirate a un modello di vita sostenibile dal punto di vista ecologico, spirituale, socioculturale ed economico. La Rete italiana dei villaggi ecologici (Rive) è nata nel dicembre 1996 con lo scopo di far conoscere le esperienze comunitarie, ritenute fertili laboratori di sperimentazione sociale ed economica, dove è possibile da subito vivere l’utopia, per quanto in scala ridotta, di una società basata sulla solidarietà, la cooperazione e l’ecologia. Alle Rete italiana dei villaggi ecologici appartengono esperienze comunitarie molto differenti tra loro per orientamento filosofico e organizzazione, ma tutte comunque ispirate a un modello di vita sostenibile dal punto di vista ecologico, spirituale, socioculturale ed economico, intendendo per sostenibilità l’attitudine di un gruppo umano a soddisfare i propri bisogni senza ridurre, ma anzi migliorando, le prospettive delle generazioni future. La RIVE aderisce al GEN – Global Ecovillage Network (rete Globale degli Ecovillaggi), che collega fra loro le esperienze più significative di insediamenti umani sostenibili in tutto il mondo, e collabora con numerose altre associazioni e reti nazionali che lavorano per una società sostenibile e un mondo migliore.
Borghi interessati:
Corricelli, Pescomaggiore, Torri Superiore, Findhorne

VILLAGGI DELLA TRADIZIONE     Programma
I villaggi della tradizione è un programma di valorizzazione e promozione di agglomerati inseriti in un contesto rurale di  rilevante valore patrimoniale e con proprie caratteristiche che si esprimono nella tradizione delle attività, dei prodotti locali e nell’ambiente naturle, la cui popolazione si identifica con un progetto integrato di salvaguardia e valorizzazione di questi valori. Il punto qualificante della rete europea Villages of Tradition è data dalla disponibilità di alloggi ai fini turistici di case rurali selezionate nei centri storici che ancora mantengono un riconoscibile profilo architettonico ed ambientale, con l’obiettivo di valorizzare le valenze ambientali, culturali, architettoniche e delle produzioni tipiche agroalimentari del territorio interessato. I villaggi della Tradizione sono dunque uno strumento di attrazione turistica per favorire nei territori interessati un flusso turistico di origine esterna ed orientato al turista escursionista ed amante della natura, delle tradizioni che vanno perdendosi e della buona cucina, oltre a favorire l’interscambio culturale delle popolazioni e garantire un efficace presidio del territorio. Le associazioni dei Villaggi della Tradizione, costituite dal Gruppi di Azione Locale (GAL) con il programma comunitario leader+, hanno l’obiettivo di promuovere questo turismo, supportarne il suo sviluppo, identificarne e garantire la qualità del servizio e dei prodotti offerti. Un network di villaggi turistici che trova collocazione in una rete di itinerari che coinvolgono diverse regioni europee a partire dalla Campania in Italia, dal Nord del Portogallo e dalla Galizia in Spagna.
Borghi interessati:
Calabritto, Castelvetere sul calore, Taurasi

22 Responses

  1. Brazilian Virgin Hair
    Brazilian Virgin Hair at ·

    Brazilian Virgin Hair

    such a good excellent Brazilian Virgin Hair

  2. nike free run heren sale
    nike free run heren sale at ·

    nike free run heren sale

    I’m amazed, I have to admit. Rarely do I come across a blog that’s both educative and amusing, and let me tell you, you’ve hit the nail on the head. The issue is something that too few men and women are speaking intelligently about. I’m very happy…

  3. nike air max 90 10.5
    nike air max 90 10.5 at ·

    nike air max 90 10.5

    This paragraph will assist the internet people for building up new webpage or even a blog from start to end.

  4. oakley zonnebril blender 3d
    oakley zonnebril blender 3d at ·

    oakley zonnebril blender 3d

    Great info. Lucky me I came across your website by chance (stumbleupon). I have book-marked it for later!

  5. nike schoenen zwart goud
    nike schoenen zwart goud at ·

    nike schoenen zwart goud

    Unquestionably believe that which you stated. Your favorite justification seemed to be on the web the easiest thing to be aware of. I say to you, I certainly get irked while people consider worries that they just do not know about. You managed to hit t…

  6. Ei72 Air Jordan 4 IV Retro Scarpe Bianco Arancione Negozio

    Ei72 Air Jordan 4 IV Retro Scarpe Bianco Arancione Negozio

    Hurrah, that’s what I was exploring for, what a stuff! present here at this webpage, thanks admin of this web site.

  7. ray ban aviator nijmegen 82
    ray ban aviator nijmegen 82 at ·

    ray ban aviator nijmegen 82

    Good post. I am going through many of these issues as well..

  8. nike air max 45 5
    nike air max 45 5 at ·

    nike air max 45 5

    That is a very good tip particularly to those new to the blogosphere. Short but very accurate information¡­ Thanks for sharing this one. A must read article!

  9. giuseppe zanotti women sneakers
    giuseppe zanotti women sneakers at ·

    giuseppe zanotti women sneakers

    sThe grade that awesome, conversely, due to the fact that the dimensions run tiny need that any shape upwards.If you are 5f 4inches therefore length desires modifying otherwise simply don actually high footwear. Other than that liked ones dress

  10. ray ban wayfarer junior prezzo
    ray ban wayfarer junior prezzo at ·

    ray ban wayfarer junior prezzo

    Hey are using WordPress for your site platform? I’m new to the blog world but I’m trying to get started and create my own. Do you need any html coding expertise to make your own blog? Any help would be really appreciated!

  11. yeezy shoes
    yeezy shoes at ·

    yeezy shoes

    Comes with two pairs of shoes for 750 Boost and [url=http://www.yeezyshoes.us.com]yeezy shoes[/url] Yeezy 750 Boost.Yeezy 750 Boost sale in February.

  12. www.ideafutura.co.uk
    www.ideafutura.co.uk at ·

    http://www.ideafutura.co.uk

    I paid for this one searching for a great gift of my personal mom. Some sort of headphone emerged in a pretty purple tied box. This is the greatest hunting gift less than that the christmas time tree!! Ones headphone also seemed pretty, still our mom a…

  13. Christian Louboutin Outlet Online
    Christian Louboutin Outlet Online at ·

    Christian Louboutin Outlet Online

    I got this headphonesto the mother for the parents time, additionally she absolutely loved this! It is quite cute headphonesand the suggesting on the card which is will come into the container is really sentimental!! And the high quality of the beads w…

  14. http://www.finditireland.eu/c-jewelry/c-bracelets

    http://www.finditireland.eu/c-jewelry/c-bracelets

    And so once I ordered things i thought information technology was will be per amazing but inexpensively manufactured bracelet perfect towards stocking stuffers. But it is manufactured wonderfully to is thick hence their not synthetic or perhaps with ea…

  15. nike air max thea aarhus
    nike air max thea aarhus at ·

    nike air max thea aarhus

    I was wondering if you ever considered changing the structure of your website? Its very well written; I love what youve got to say. But maybe you could a little more in the way of content so people could connect with it better. Youve got an awful lot o…

  16. Replica Christian Louboutin
    Replica Christian Louboutin at ·

    Replica Christian Louboutin

    This might be actually quite. I like that it loads. That the quotation are adorable additionally box covered inside kind bow. It isn’t one particular awesome bracelet previously, however for the cost they exceeds our objectives. Can’tdelay at provide…

  17. Cartier Juste Un Clou Replica
    Cartier Juste Un Clou Replica at ·

    Cartier Juste Un Clou Replica

    My son provided me personally this particular of parents time. He understands im never up to price but everything originates from the actual heart. I cannot trust it has my personal favourite color then actually suits my wrist. I do not might notice br…

  18. cheap nike roshe run
    cheap nike roshe run at ·

    cheap nike roshe run

    I had gotten this headphonesconcerning my personal mother of mothers time, and she definitely adored that! Their quite adorable headphonesas well as the saying in the card in which goes inside package is very sentimental!! And the premium of the beads…

  19. www.perriercomedyawards.co.uk/cartie-bracelets

    http://www.perriercomedyawards.co.uk/cartie-bracelets

    Our son gave myself our concerning parents day. He understands im not regarding price but just what originates from on center. I can’t believe this has our favourite colors plus truly suits the wrist. I do not could find out bracelets to suit headphon…

  20. www.fsagraduates.co.uk
    www.fsagraduates.co.uk at ·

    http://www.fsagraduates.co.uk

    That is truly very. I love they loads. Their estimate are cute plus package wrapped in nice bow. It isn’t one particular awesome bracelet ever before, however for the cost this exceeds my expectations. Can’tdelay on offer things in order to the mothe…

  21. cheap nike
    cheap nike at ·

    cheap nike

    I paid for your searching for a awesome gift of our mother. Some sort of headphone emerged within a stunning purple tied up box. This was the best looking gifts underneath the particular holiday tree!! Your headphone and looked beautiful, conversely my…

  22. cartier love bracelet replica
    cartier love bracelet replica at ·

    cartier love bracelet replica

    I got the headphonesfor the our mom for the parents day, and/or she absolutely adored they! Its completely cute headphonesand stating in the card it will come in the container is really emotional!! As well as the grade of the beads are ideal!

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.