Borgo Soandri

Borgo Soandri

 

Regione: Friuli-Venezia Giulia
Superficie: 21 km²
Popolazione: 1392 istat 2001
                     (1371 istat 2011) 
Densità:  —
Altitudine: 572 m s.l.m.
Data intervento: 1980-2000

CENNI STORICI
Il Borgo Soandri si trova nel comune di Sutrio (UD), il borgo artigiano della Carnia, piccola regione a nord del Friuli Venezia Giulia. Sutrio, il cui nome appare per la prima volta in un documento del 1300, fu tra i primi luoghi abitati dell’alta valle del Bût. Il paese è sicuramente uno dei più caratteristici borghi della Carnia, caratterizzato da un centro storico con le tipiche case in pietra che si affacciano su stradine lastricate che fanno da cornice al Borgo ed è tra i più caratteristici della montagna friulana in quanto Sutrio è famoso per la lavorazione del legno, un genere di artigianato a cui da secoli si dedicano i suoi abitanti. Infatti Sutrio deve la sua notorietà per la presenza di alcune tra le più apprezzate botteghe artigiane di intaglio e scultura di tutta la Regione e inoltre si trova alle pendici del Monte Zoncolan, quindi è un banco di prova per sciatori d’inverno e amanti della bici o moto d’estate.

STRATEGIA PROGETTUALE
L’albergo diffuso Soandri mette in rete una serie di unità abitative in modo che facciano capo ad un unica Reception. In altre parole, le camere dell’albergo invece che essere fisicamente situate in un unico edificio sono sparse in questo antico borgo di Sutrio all’interno di case e abitazioni tipiche della carnia. Sorto da un originale progetto di recupero del patrimonio edilizio, Borgo Soandri offre l’opportunità di vivere una vacanza a contatto con le usanze e i ritmi di un tipico borgo di montagna. L’Albergo Diffuso è organizzato come un’unica struttura ricettiva che si propone di valorizzare il territorio della Carnia, da sempre ricco di storia, fascino e tradizioni. La finalità di questa scelta è stata quella di bilanciare i diversi elementi che interagiscono in un processo di sviluppo economico senza invadere troppo l’ambiente e la vita della popolazione locale. L’idea che caratterizza principalmente il progetto è quella che le diverse realtà economiche, sociali, naturali diventino elementi essenziali dell’offerta del borgo. Nel 1994 grazie alle risorse stanziate dalla Comunità europea, con l’obiettivo 5b sono stati creati i primi 80 posti letto ricavati in 17 immobili privati. Nonostante il principale promotore dell’albergo diffuso sia stato il comune di Sutrio, gli immobili sono di proprietà privata. Per la gestione dei posti, l’amministrazione comunale promuove la nascita di una società cooperativa che coinvolge in primo luogo i proprietari delle residenze cosi nell’anno 2002 nasce la cooperativa “Borgo Soandri” Scarl. La cooperativa, di cui fanno parte oltre ai proprietari degli alloggi, anche i soci lavoratori, ha permesso la nascita d’alcuni posti di lavoro. Le attività della società, oltre a quella principale di gestione del albergo diffuso, è l’appalto di mense scolastiche e di pulizie presso enti pubblici. La cooperativa oltre a rappresentare l’organo di gestione dei posti letto, attualmente è il primo punto di riferimento per tutte le attività d’animazione del borgo, per il coordinamento delle diverse realtà commerciali, sociali, volontarie operanti nell’area. La cooperativa collabora attivamente con la locale Pro Loco per la gestione e l’organizzazione degli eventi, con l’amministrazione comunale per la messa a punto di diversi progetti e attività. Da questo punto di vista il progetto avanzato come “albergo diffuso” rappresenta un progetto di gestione territoriale.

INTERVENTO DI RECUPERO     1 Int.recupero Parz
PARTECIPAZIONE     2 partecipaz
CONTINUITA’ ARCHITETTONICA    1 Recupero PARZI
DEMOGRAFIA    4 demografia DECRESCITA
AFFLUENZA TURISTICA      12 turismo Alto
PRESENZA DI STRANIERI     10 stranieri Basso
ETA’ MEDIA        11 etàmedia Bas
ACCESSIBILITA’      4 accessi Buon
AUTOSUFFICIENZA ECONOMICA      6 autosuff

Riferimenti:
http://www.albergodiffuso.org/
http://www.comune.sutrio.ud.it/